NEWS - NEWS - NEWS - NEWS - NEWS - NEWS - NEWS
RICONOSCIMENTI
Polimoda premia i suoi studenti

MODAONLINE - Una serata di grande creatività ha fatto da scenario al Fashion Show 2011 di Polimoda, evento culminante del percorso formativo degli studenti in Fashion Design dell'Istituto di moda fiorentino. Sulla passerella, allestita al Teatro Saschall, hanno sfilato le 55 micro collezioni (composte da 7/8 outfit ognuna) realizzate dagli studenti diplomandi che, quest'anno hanno lavorato attorno al tema del viaggio. Un esercizio di stile e di creatività che quest'anno ha coinvolto anche le presentazioni che, affianco a modelle e modelli professionisti ha visto entrare in gioco anche nuovi volti frutto di un ciclo di street casting avvenuti nei mesi di aprile e maggio a Firenze e di una ricerca operata attraverso i social networkil che ha visto un coinvolgimento diretto degli studenti nella selezione dei tratti e caratteristiche più adatti a rappresentare la propria collezione. Ad una giuria di spicco del panorama moda composta da designer, direttori commerciali e creativi in rappresentanza delle aziende, giornalisti e blogger è spettato il compito di assegnare i cinque premi in palio per la Collezione più creativa, vinto da Alycia Marie Dean-Johns, per quella più commerciale assegnato a Laura Colle, per quella più mediatica vinto da Fabio Chimenti. Nuovo riconoscimento, introdotto in questa edizione, è stato quello titolato Premio Fashion Blogger assegnato a Giulia Bastiani mentre il premio del Dean, assegnato dal Direttore di Polimoda Linda Leppa, è stato vinto da Riccardo Monagheddu (nella foto una delle sue proposte). Non è mancata anche una assegnazione non tecnica affidata al pubblico che ha decretato come vincitore Giulio Parigi. “Le collezioni che sfilano in passerella – ha commentato Patrick De Muynck, Capo Dipartimento Design di Polimoda – rappresentano un personale percorso di ricerca compiuto nell’ultimo anno caratterizzato da una cura in ogni dettaglio, dall’ispirazione creativa, ai bozzetti, alle tele, fino alla realizzazione finale di capi e accessori. Un percorso che spesso rispecchia l’attualità e gli avvenimenti del mondo contemporaneo. Pur non essendoci un tema unico dato che ogni stilista è libero di scegliere la propria ispirazione, si nota sempre un mood condiviso che influenza la maggior parte delle collezioni, frutto dell’influenza che hanno i fenomeni e i temi di attualità sulla moda. Quest’anno il tema ricorrente è il viaggio e non a caso proprio il viaggio sarà il tema della prossima edizione di Pitti Uomo”.

Cristina Mello-Grand

Thursday, June 09, 2011