COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY - COVER STORY
RICONOSCIMENTI
Riccione Moda Italia. Un ventennio di conferme e successi

Riccione Moda Italia giunge alla sua ventesima edizione e si conferma una fucina di talenti importante e preziosa per il sistema moda italiano. 28 i creativi emergenti premiati quest'anno dal concorso, che ha visto come proprio vincitore assoluto il giovane designer Ludovico Milani

Il Concorso Nazionale Professione Moda Giovani Stilisti - Riccione Moda Italia, promosso dal CNA Federmoda dell'Emilia Romagna e dal Comune di Riccione col contributo di alcune istituzioni pubbliche (tra esse ricordiamo il patrocinio del Ministero della Pubblica Istruzione) compie vent'anni. Il concorso nasce infatti nel 1991 avviando l'impostazione di una formula di integrazione tra formazione scolastica e cultura d'impresa, in quanto la formula prevede un collegamento tra studenti e aziende di moda. Molteplici bozzetti di design (quest'anno circa 500) vengono ogni volta analizzati da un giuria tecnica di esperti (tra i giurati Deanna Ferretti Veroni, Laura Lusuardi, head designer di Max Mara e Giovanni Bianchi di La Perla) che proclama i vincitori (quest'anno 28) ammessi a partecipare ad un workshop intenso e di approfondimento del mondo moda e a vedere le loro creazioni sfilare in passerella. Tra essi, divisi per categorie, vengono proclamati i singoli vincitori di categoria ed un vincitore finale. Questi ottengono, con la loro proclamazione, la possibilità di frequentare uno stage presso importanti aziende del fashion system sancendo dunque una sinergia tra formazione ed impresa. "Nel corso degli anni la piattaforma - dichiara Antonio Franceschini, responsabile nazionale di CNA Federmoda e direttore generale di Riccione Moda Italia - è diventata un'accreditata vetrina di nuove promesse del nostro fashion system. La globalizzazione ha scardinato le regole di mercato che conoscevamo e richiede alle imprese una duttilità pressochè immediata. Ne consegue l'esigenza prioritaria di un sistema formativo fortemente integrato all'impresa, in grado di fornire un flusso di risorse professionalmente idonee ad elaborare la ricerca e l'innovazione indispensabili al mondo della moda". L'impresa chiama e Riccione Moda Italia risponde. E lo fa con una selezione di studenti molto preparati e stimolati nella loro creatività da un workshop ben strutturato, colto e in grado di spaziare dal divismo degli Anni Sessanta alle moderne tecnologie per la moda. Venendo al concorso vero e proprio, vincitore assoluto è stato proclamato Ludovico Milani (anche vincitore della categoria abbigliamento), abile a strutturare un easy-chic wear di stampo newyorkese, clean minimal e sofisticato. Degni di menzione anche Pasquale Antonello (vincitore del premio pellicceria) per la sapiente capacità di lavorare con vivacità e colore una ricca volpe argentata nelle forme di un coat-dress estremamente moderno, Mario Rossodivita (vincitore del premio legato alla modellistica) che ha presentato due creazioni espressione di un costruttivismo intelligente ed estremamente pret a couture, e a Valerio Lupi (vincitore della categoria maglieria) che ha colpito per la sua abilità cromatica nella lavorazione della maglieria. Il nostro auspicio e augurio è che questi giovani talenti contibuiscano con la loro creatività ed energia a rialimentare e stimolare un made in italy che deve costantemente mettersi in discussione e attingere a linfa nuova per mantenere la sua leadership mondiale.

Samuele Daves
Monday, July 26, 2010